Search
Topics
  Create an account Home  ·  Topics  ·  Downloads  ·  Your Account  ·  Submit News  ·  Top 10  
Principale
· Home
· Scrivici
· Statistiche
· Archivio Storico
· Argomenti
· Maxi Chat
· Segnalaci a...

mariosegni.eu
vai all''archivio delle news
mercoledì 10 ottobre 2012
"una stagione indimenticabile", a vent''anni dal palaeur


lunedì 25 giugno 2012
presentazione del diario di antonio segni 1956-1964


lunedì 9 gennaio 2012
109 costituzionalisti per il si all''ammissibilità


giovedì 17 novembre 2011
un governo per l''europa. rispondere alle sfide globali


venerdì 4 novembre 2011
ci salveranno le primarie?



LA STORIA SI PUO' RIPETERE
Postato il Wednesday, 01 April @ 22:35:01 CEST di Fabio

L'Opinione di Nando Mascherpa La storia si può ripetere. Il felice matrimonio tra FI e AN ci ricorda sotto molti aspetti l'unificazione tra il PSI di Nenni e il PSDI di Saragat. Si fusero, ma conservarono le loro rispettive strutture e apparati. Siamo convinti che AN continuerà nel nuovo partito a mantenere la sua compattezza ideologica e non si presterà ad inquinamenti. La nostra certezza nasce dal fatto che Berlusconi non gradisce le vere riforme e neppure il Referendum di Guzzetta e Segni. Ed inoltre molte cose lasciano pensare che non sopporta il voto di preferenza in quanto i suoi candidati sarebbero penalizzati dall'organizzazione del partito di Fini. Le liste bloccate lo mettono invece al riparo da eventuali sorprese che uscirebbero dalle urne. Solo gli avvenimenti futuri potranno smentire questa nostra ipotesi.

Lo stesso Franceschini non ritiene che le riforme abbiano una qualsivoglia priorità e il suo partito è d'accordo con lui nel non sostenere l'election day. La confraternita dei capi-partito vuole che il Parlamento rimanga un club di nominati e a nessuno veramente importa che si sprechino così 400 milioni di euro. Anche le piccole componenti partitiche escluse dal Parlamento seguono la moda delle fusioni a freddo. In occasione delle europee, la sinistra radicale e le altre liste minori hanno fatto alleanze strategiche. Il motivo principale non è però quello di inviare propri eletti in Europa quanto piuttosto quello di raggiungere il quorum e rimpolpare le singole casse vuote attraverso il rimborso elettorale. Alla faccia dei cassintegrati, dei precari e dei disoccupati.

Quello che avevamo previsto si sta avverando. La fuga di ex-Margherita verso il centro è già cominciata. L'onorevole Pierluigi Mantini ha da poco lasciato il Pd. E' solo l'inizio. Dopo le europee ci sarà l'emorragia verso la nuova formazione di centro che sta per nascere. Bisognerebbe che qualcuno dica al giovane Franceschini che le sue esternazioni di marcata sinistra non hanno sortito benefici effetti. Anzi, hanno arrecato disagio in molti elettori. Alcuni suoi compagni di partito sostengono: "siamo passati dal loft al left". Nando Mascherpa

www.gazzettadisondrio.it - 30 III 09 - n. 9/2009, anno XII°
http://www.riformisti.info


 
Links Correlati
· Inoltre L'Opinione di Nando Mascherpa
· News by Fabio


Articolo più letto relativo a L'Opinione di Nando Mascherpa:
Che differenza passa tra una velina e un principe-ballerino?


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico



 



Web site engine\'s code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.