Search
Topics
  Create an account Home  ·  Topics  ·  Downloads  ·  Your Account  ·  Submit News  ·  Top 10  
Principale
· Home
· Scrivici
· Statistiche
· Archivio Storico
· Argomenti
· Maxi Chat
· Segnalaci a...

mariosegni.eu
vai all''archivio delle news
mercoledì 10 ottobre 2012
"una stagione indimenticabile", a vent''anni dal palaeur


lunedì 25 giugno 2012
presentazione del diario di antonio segni 1956-1964


lunedì 9 gennaio 2012
109 costituzionalisti per il si all''ammissibilità


giovedì 17 novembre 2011
un governo per l''europa. rispondere alle sfide globali


venerdì 4 novembre 2011
ci salveranno le primarie?



Stringiamo un Patto: Un punto di vista

Cerca in questo argomento:   
[ Vai in Home | Seleziona un nuovo argomento ]

REFERENDUM: CONTO SU DI TE!
Un punto di vista Mario Segni di Mario Segni

Caro amico,
c’è finalmente la possibilità di fare qualcosa di concreto per questa politica malandata e questa Italia che amiamo tanto. Ma per spiegartelo devo raccontarti alcune vicende di queste ultime settimane.

Ricorderai quante battaglie abbiamo fatto contro il Porcellum, la infame legge elettorale che con la lista bloccata ha trasformato il Parlamento in una una assemblea di nominati: un insulto alla democrazia e alla meritocrazia. Contro il Porcellum abbiamo fatto un referendum, e purtroppo solo un quarto degli elettori è andato a votare. Abbiamo presentato una proposta di legge Parisi – Ceccanti con duecento firme di parlamentari: una legge che con due articoli cancellerebbe il pasticcio e tornerebbe al sistema precedente, quello voluto dal referendum del 93, in cui ogni cittadino sceglieva il suo parlamentare. Abbiamo trovato un muro di gomma, perchè il sistema di nominare e di avere un Parlamento docile piace a tanti, a destra e a sinistra.

Ma adesso si è aperta una strada. Il 12 giugno gli italiani sono andati a votare e il referendum è passato. Dunque i cittadini sono ancora capaci di appassionarsi alla politica, di reagire e di tentare il cambiamento. Allora l’arma può essere usata anche per cambiare il Porcellum. E’ sempre difficile ma non è impossibile. Ci siamo messi a lavorare e il professor Morrone, un giovane allievo di Barbera, ha elaborato due quesiti che abrogherebbero la infame legge vigente e ripristinerebbero quella precedente, con la quale, come in Inghilterra, il paese è diviso in collegi uninominale e in ognuno di essi diventa deputato o senatore il più votato dagli elettori, non più chi è stato scelto dall’alto. Due settimane fa ventinove persone sono andate in Cassazione e hanno depositato i quesiti. Vi erano parecchi politici, Parisi, Di Pietro, Veltroni, Migliore, Castagnetti. Pensavamo di partite immediatamente ma purtroppo le indecisioni e i passi indietro di alcuni (soprattutto Veltroni e Castagnetti) hanno frenato e si è perso tempo prezioso. Ma adesso per il coraggio di Arturo Parisi e di altri che voglio ringraziare si è ripreso il cammino. Si stanno stampando i moduli e dalla settimana prossima si raccoglieranno le prime firme.

Bada bene, l’impresa è difficilissima. Bisogna raccogliere 500.000 firme entro il 30 settembre, con l’estate di mezzo e con tutti i problemi che abbiamo affrontato in tutte le campagne referendarie. Ma è un’impresa sacrosanta. E’ l’unico modo per cancellare una vergogna nazionale. I partiti non si muoveranno mai da soli. Dobbiamo reagire. Ce la faremo? Non lo so. Ma so che bisogna provarci, che non abbiamo alternative, e che se anche non ce la facessimo potrebbe essere l’inizio di qualcosa che si muove e che può continuare in altri modi.

Perciò ti chiedo: sei disposto ad aiutarci? Oltre che firmando, puoi farlo in molti modi: offrendo disponibilità per la raccolta delle firme, propagandando l’iniziativa via mail, lettera, telefono, dando un contributo finanziario. Se la risposta è sì, scrivimi a questo indirizzo msegni@tin.it. Concorderemo assieme le modalità. Ci conto.

Mario Segni

Postato da fabio il Monday, 22 August @ 08:56:23 CEST (1394 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)



Evviva il bipolarismo
Un punto di vista Mario Segni di Mario Segni

C’è una cosa che non è stata detta sulle elezioni di domenica scorsa, e che io invece voglio dire, anzi voglio urlare a gran voce: ha vinto il bipolarismo. Ed è stata una vittoria enorme, rendiamocene conto.

Per anni siamo stati inseguiti dall’accusa di aver creato noi Berlusconi, di aver determinato il suo successo, e soprattutto di avere creato un sistema, il maggioritario, in cui un vincitore abile e spregiudicato come Berlusconi si prende tutto e non perde più. Insomma di avere posto tutte le condizioni per un vero e proprio sistema autoritario. Ebbene domenica è stato dimostrato il contrario. Dopo anni di infatuazione gli italiani si sono stancati di Berlusconi, hanno ritenuto inaccettabile quello che prima invece non li toccava, ed hanno espresso una volontà di cambiamento. Questo è stato il significato del voto, uniforme da nord a sud, da Napoli a Milano. Poiché era stato trasformato in un test nazionale gli italiani hanno detto: vogliamo cambiare.

Ebbene, grazie al maggioritario e alla benedetta regola dell’elezione diretta del sindaco questa volontà di cambiamento ha assunto una forza enorme: Pisapia al posto della Moratti, De Magistris a Napoli. Pensate cosa sarebbe successo col vecchio sistema: a Milano il PDL si sarebbe riconfermato primo partito, avrebbe preteso la poltrona del sindaco, si sarebbero iniziate consultazioni che sarebbero durate settimane o mesi e alla fine probabilmente sarebbe rimasto tutto come è in barba ai cittadini. Ma adesso tutto questo non è più possibile. C’è uno che vince e uno che perde. Se chi perde è l’uscente si cambia.
Nessun sistema come il maggioritario spinge al cambiamento, all’alternanza.
Nessun sistema è meno conservatore.
E nonostante le dicerie dei politici questo sistema piace.
Attenzione, proprio per questo prevedo controffensive.
Poiché nessuno vuole andare a casa ci sarà una offensiva proporzionalista, un tentativo di tornare indietro.
Ma noi combatteremo. Nel frattempo godiamoci una pagina positiva. E il 12 forse ce ne sarà un’altra: i referendum raggiungeranno il quorum, e se avverrà un istituto prezioso che sembrava estinto avrà nuova vita.

Mario Segni

Postato da fabio il Friday, 03 June @ 11:28:14 CEST (1242 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)



BRAVO BERTONE!
Un punto di vista Mario Segni di Mario Segni
info@ilpatto.it

Voglio esprimere un plauso sincero al cardinal Bertone per le parole dette sulla cosiddetta rivolta degli immigrati: “C’è un grave problema che riguarda le condizioni di lavoro degli extracomunitari”. Ha ragione, ha pienamente ragione! Il fatto veramente scandaloso di questa triste vicenda è lo sfruttamento inumano di migliaia di extracomunitari.

Ricapitoliamo i fatti. A Rosarno arrivano ogni anno duemila extracomunitari per la raccolta dei mandarini. Lavorano in nero, lo stipendio è una miseria, vivono in situazioni inumane. Qualcosa li spinge alla rivolta: incendiano macchine, sfasciano vetrine. Il giorno dopo nasce una controrivolta, con cacce all’uomo spietate, in cui si riversa tutto o quasi il paese. Cose terribili, e chiunque abbia usato violenza, da una parte e dall’altra, deve essere punito. Ma diciamo la verità, è una guerra tra poveri, anzi è una guerra tra disperati. Gli africani spinti dalla miseria e dalla condizioni disumane; gli altri dalla disoccupazione, dall’abbandono.

Ma c’è qualcuno che non è stato spinto né dalla miseria né dalla disoccupazione: sono tutti quelli che sfruttano gli africani con stipendi di fame e condizioni inenarrabili. Molto spesso non si sono limitati ad approfittare della manodopera a costo misero: la hanno creata, favorita. Il “Corriere” di oggi parla di organizzazioni che hanno attirato gli extracomunitari con false promesse per creare una massa di lavoratori disperati e senza difesa. E non sempre si tratta di mafia o n’drangheta.

Ma è tanto difficile colpire questo? E’ “vox pubblica” che da anni, soprattutto nel sud, le grandi raccolte, dal pomodoro agli agrumi, vengano fatte così, che vi lavorino decine di migliaia di persone: e’ un fenomeno palese, non occulto. E’ impossibile combatterlo? O è legittimo il sospetto che si chiuda un occhio (o forse tutti e due) perché in fondo va bene a tutti, ai proprietari perché la raccolta si fa a buon prezzo, alla politica perché si scarica sui negri la crisi dell’agricoltura, qualche volta anche ai locali perché si tratta di lavori che non si vogliono più fare. C’è solo una categoria cui non va bene: gli sfruttati. Extracomunitari, sì, ma uomini come noi.

Ministro Maroni, lei ha detto che ci vuole più severità con gli immigrati. Probabilmente ha ragione. Ma non le sembra che prima di tutto ci voglia severità e giustizia con gli sfruttatori?

Mario Segni

Postato da Fabio il Monday, 11 January @ 14:03:00 CET (1552 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)



''C'erano una volta le primarie...''
Un punto di vista Mario Segni di Mario Segni
info@ilpatto.it

"C'erano una volta le primarie. C'era un partito, che si chiamava partito democratico, che si era definito partito delle primarie, e che aveva solennemente dichiarato che le avrebbe fatte sempre, per il sindaco del più piccolo comunello e per la scelta del premier”. Ma quando Bersani diventò segretario del partito se ne dimenticò....Così, fra qualche decennio qualcuno, ammesso che se ne ricordi, potrebbe raccontare la storia di questi anni.

Perchè è vero che i quattro milioni di votanti alle primarie furono dichiarati una svolta storica, e forse lo sarebbero state se qualcuno non avesse buttato dalla finestra quei quattro milioni di schede.

E' vero che cinque anni fa furono fatte per le scorse regionali, e proprio grazie alle primarie Vendola vinse inaspettatamente per la candidatura e per la presidenza.

Ed è verissimo che solo due mesi fa l'elezione di Bersani col 60% di voti alle primarie fu salutata come un grandissimo segnale di democrazia, il segno di un partito aperto, non come quello del bieco Berlusconi che decide tutto dall'alto.

Ma adesso che ci sono le regionali le primarie sono state abolite?

Persino nella metà delle regioni in cui il PD non sa che pesci pigliare?

persino in Puglia dove Vendola, che aveva vinto le primarie di coalizione, viene defenestrato dal PD senza nemmeno consultare la base?

Che vergogna!

Spero che Vendola si ribelli e se non ottiene le primarie si candidi lo stesso anche a costo di far perdere la sua attuale maggioranza.

Caro Bersani, dammi retta: il centralismo democratico non è roba per te.

Capisco che in fondo al cuore ne abbiate un po’ di nostalgia, la storia è quella e non si cancella facilmente.

Ma ci vuole ben altro! Lascialo fare a Berlusconi, l'unico in grado di farlo e di vincerci sopra.

Se voi volete vincere avete solo la strada americana.

Guarda i democratici: hanno preso botte per decenni, poi hanno trovato Obama e stanno cambiando l'America.

Tu preferisci la alleanza con Casini? Chissà... Sì, forse becchereste qualche assessore in più.

Ma è difficile scaldare i cuori per fare Cuffaro ministro….

Postato da Fabio il Monday, 28 December @ 18:54:28 CET (1252 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)



Editoriale del 13 giugnoi di A.Panebianco - Corriere della Sera
Un punto di vista Cari amici, vi trasmetto l’editoriale di oggi di Angelo Panebianco sul Corriere della Sera.
Mario Segni

Sistema elettorale:
Referendum, antidoto ai troppi partiti.
Gli italiani saranno chiamati il 21 giugno a votare per un referendum che propone di modificare la legge elettorale in vigore. Come risulta dai sondaggi, tanti italiani sono ancora disinformati, non sanno nulla dei quesiti referendari. E, inoltre, una gran parte delle forze politiche li incita alla astensione. Anche in queste sfavorevoli circostanze è però giusto continuare a discuterne.
La mia prima osservazione è che diversi critici del referendum hanno avanzato una obiezione che non sembra leale. Hanno sostenuto che quello che uscirebbe da una vittoria dei «sì» nel referendum non sarebbe comunque un buon sistema elettorale. L'obiezione non mi pare leale perché in Italia non esiste l'istituto del referendum propositivo. Non si può dunque sottoporre al voto popolare il sistema elettorale che si preferisce (io, per esempio, preferisco di gran lunga i sistemi elettorali maggioritari, con collegi uninominali). Col referendum abrogativo si può solo incidere su leggi esistenti. Il referendum tenta semplicemente di migliorare quella che in tanti giudichiamo una pessima legge elettorale. Non può fare nulla di più. Per onestà nei confronti dei lettori devo precisare che mentre scrivo questo articolo mi trovo in flagrante conflitto di interessi. Faccio parte del comitato promotore del referendum e certamente intendo difendere, insieme al referendum, la coerenza e la validità della mia scelta.
Che cosa intendevano (intendevamo) fare i proponenti del referendum, soprattutto con il quesito più importante, quello che chiede di spostare dalla coalizione di partiti alla singola lista il premio di maggioranza? Intendevano (intendevamo) contrastare l'aspetto più grave e pericoloso della legge elettorale in vigore: il fatto che essa non contiene alcun anticorpo contro la frammentazione partitica (e ricordo che fra tutti i pericoli che può correre una democrazia quelli che vengono da un eccesso di frammentazione partitica sono di gran lunga i più gravi). Ma, si obietterà: alle ultime elezioni, nonostante la legge in vigore, la frammentazione partitica è stata drasticamente ridotta. E’ vero ma la causa è stata esclusivamente una decisione politica: la scelta di Walter Veltroni di sbarazzarsi dell'antica coalizione di centrosinistra e di puntare sul «partito a vocazione maggioritaria».
Fu quella decisione che, ricompattando la sinistra (anche se non del tutto: Veltroni commise poi il gravissimo errore di allearsi con Di Pietro), obbligò anche la destra a un analogo ricompattamento (con la nascita del Popolo della Libertà). Ma ora Veltroni è fuori gioco e anche il partito a vocazione maggioritaria è stato messo in soffitta.
Alle prossime elezioni il Partito democratico tornerà, presumibilmente, a una più tradizionale politica delle alleanze (ed è plausibile che, per diretta conseguenza, si manifestino tendenze disgregative anche a destra). La legge elettorale in vigore tornerà allora a sviluppare le sue letali tossine, alimenterà di nuovo la frammentazione partitica. Se non si fa qualcosa (e l'unico «qualcosa » possibile è, al momento, il referendum) il sistema politico italiano sarà di nuovo tra pochi anni, come è stato negli ultimi decenni (fino al 2008), il più frammentato dell'Europa occidentale.
Come sempre quando si ragiona di sistemi elettorali le critiche più serie e argomentate alla proposta referendaria sono state avanzate da Giovanni Sartori. Sartori fa due obiezioni. La prima: con il sistema elettorale che uscirebbe dal referendum un partito che raggiungesse, poniamo, solo il trenta per cento dei voti potrebbe aggiudicarsi il premio di maggioranza conquistando la maggioranza assoluta dei seggi. La seconda: poiché il premio di maggioranza va alla lista più votata la legge verrebbe aggirata con la formazione di liste-arlecchino formate da tanti partiti che si metterebbero insieme solo per conquistare il premio di maggioranza e si dividerebbero di nuovo il giorno dopo le elezioni. Si tratta di obiezioni serie ma mi permetto di fare due osservazioni. La prima è che, certamente, è in teoria possibile che un partito con solo il trenta per cento dei voti conquisti il premio di maggioranza e quindi la maggioranza assoluta dei seggi. Però, questo è vero anche nel caso dei sistemi maggioritari: nulla vieta, in teoria, che un partito si aggiudichi la maggioranza dei collegi (e quindi la maggioranza dei seggi) ottenendo però, su scala nazionale, un numero di voti limitato. In un sistema maggioritario ciò può accadere se nei collegi sono presenti molti partiti. Più in generale, nei sistemi maggioritari, è quasi sempre la minoranza elettorale più forte che si aggiudica la maggioranza dei seggi. In pratica, però, non credo che se si votasse con il sistema elettorale che uscirebbe dal referendum correremmo questo rischio: gli elettori sarebbero portati a concentrare i loro voti sulle due formazioni più forti (è l'effetto del cosiddetto «voto utile» o strategico). Mi azzardo addirittura a fare una previsione: se si votasse con il sistema elettorale proposto dal referendum ci sarebbe un duello all'ultimo voto fra Popolo della Libertà e Partito democratico, e il partito che fra i due uscisse perdente supererebbe comunque la soglia del quaranta per cento dei voti (per effetto, appunto, del «voto utile»).
E vengo al problema delle liste-arlecchino. Sartori ha ragione: molti piccoli partiti si aggregherebbero al carro dei due partiti più grandi. Però, la loro libertà d'azione dopo il voto verrebbe compromessa. Una cosa, per un piccolo partito, è disporre di un proprio simbolo e di autonomo finanziamento pubblico. Una cosa completamente diversa è rinunciare al simbolo (e, con esso, a un rapporto diretto, non mediato, col proprio elettorato) e dover per giunta fare i conti, per la spartizione dei finanziamenti, con il gruppo dirigente del grande partito a cui ci si è aggregati. Non credo che, dopo le elezioni, quei piccoli partiti disporrebbero ancora di molta libertà d'azione. Se così non fosse, d'altra parte, perché mai la Lega dovrebbe essere, come è, così ferocemente contraria al referendum? E perché mai Di Pietro (oggi politicamente molto più forte rispetto a quando vennero raccolte le firme del referendum) si sarebbe ora schierato per il «no» dopo avere sostenuto per tanto tempo il «sì»?

I nemici di Berlusconi temono che, con il nuovo sistema, egli possa rafforzarsi ulteriormente. Osservo che è sbagliato giudicare i sistemi elettorali alla luce di preoccupazioni politiche contingenti. Prima o poi, Berlusconi dovrà comunque lasciare il campo. Invece, il rischio, esasperato dall'attuale legge elettorale, di un'eccessiva frammentazione partitica peserà a lungo su di noi. Se non riusciremo, con il referendum, ad aiutare la classe politica a porvi rimedio.
Angelo Panebianco
Postato da Fabio il Tuesday, 16 June @ 09:41:26 CEST (1899 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)



Cosa trovi nel portale

Salon Voltaire
[ Salon Voltaire ]

·Tibet, Cina e l’ipocrisia dell’Occidente. Europa e Stati Uniti, vergogna!

Articoli in archivio
Saturday, 26 July
· Creare un economia stabile e duratura nei prossimi 10 anni
Tuesday, 18 March
· Grillo pensiero ma anche...
Monday, 08 October
· Un'arma contro costi, sprechi e caste?
Thursday, 19 April
· Perché una riforma elettorale tramite il referendum?
Monday, 22 January
· FINANZIARIA 2007 e IL NULLA, DI NUOVO
Monday, 28 August
· Mondo Grillo o Grillo pensiero?
Friday, 04 August
· IL COLPO DI MANO. INDULTO E TRASVERSALITA'
Friday, 26 May
· Io non ci sono! Come al solito.
Wednesday, 01 March
· E' REALIZZABILE!
Thursday, 15 December
· Ode al Proporzionale
Tuesday, 06 December
· Le basi di una forza moderata e liberale
Saturday, 15 October
· LETTERA A UN ITALIANO
Thursday, 22 September
· Dimisioni significative
Tuesday, 13 September
· Lo dovevano fare... lo hanno fatto... lo faranno!
Tuesday, 14 June
· L’UNICA VERA ASSICURAZIONE SUL FUTURO
Tuesday, 24 May
· Politica e Morale
Thursday, 19 May
· Referendum 12 - 13 giugno 2005
Monday, 02 May
· La risposta di Mario Segni
Tuesday, 26 April
· Crisi: non ci sono vincitori
Monday, 11 April
· Le cose importanti
Monday, 14 March
· Il rilancio dell'Italia
Friday, 28 January
· Una cosa peggiore di un giudice che sbaglia: il giudice asservito ai politici
Tuesday, 02 November
· Le tasse e i cappelletti
Sunday, 17 October
· IL BOTSWANA SUPERA L'ITALIA IN COMPETITIVITA'
Wednesday, 13 October
· DOSSIER MITROKIN
Monday, 11 October
· Caro Silvio..
Friday, 08 October
· No alla devolution, si alla Costituente

Total Hits

2449185
pagine viste dal September 2003

Per conoscermi meglio
Profilo Facebook di Fabio Garbo


 



Web site engine\'s code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.