Search
Topics
  Create an account Home  ·  Topics  ·  Downloads  ·  Your Account  ·  Submit News  ·  Top 10  
Principale
· Home
· Scrivici
· Statistiche
· Archivio Storico
· Argomenti
· Maxi Chat
· Segnalaci a...

mariosegni.eu
vai all''archivio delle news
mercoledì 10 ottobre 2012
"una stagione indimenticabile", a vent''anni dal palaeur


lunedì 25 giugno 2012
presentazione del diario di antonio segni 1956-1964


lunedì 9 gennaio 2012
109 costituzionalisti per il si all''ammissibilità


giovedì 17 novembre 2011
un governo per l''europa. rispondere alle sfide globali


venerdì 4 novembre 2011
ci salveranno le primarie?



Stringiamo un Patto: Notizie dal portale

Cerca in questo argomento:   
[ Vai in Home | Seleziona un nuovo argomento ]

Grazie dei fiori
Notizie dal portale L'ultimo articolo gentilmente postato da Dolla, è stato hakerato.

Spero di cuore che l'hacker in questione si sia divertito tanto e, magari, abbia trovato una profonda soddisfazione nel considerare che ha forato un sito fragile.

Complimenti.
Postato da dolla il Monday, 10 December @ 15:25:35 CET (1392 letture)
(Leggi Tutto... | 542 bytes aggiuntivi | Voto: 0)



23 settebre
Notizie dal portale
Gentile Cliente,

con la presente siamo ad informarLa che il servizio MYSQL da Lei acquistato è prossimo alla scadenza prevista in data 23/9/2007.

La invitiamo pertanto a provvedere quanto prima al rinnovo ed al pagamento del servizio effettuando l'ordine attraverso l'apposito link:
Gentile Cliente,

lo Staff di Aruba le comunica che il dominio www.pattoveneto.it è in scadenza il giorno: 23/9/2007 ,con tutti i servizi ad esso associati.

 

 

Come ogni anno arriva il ventitre settembre,

e come ogni ventitre settembre devo pagare il dominio e i servizi per il buon funzionamento di

www.pattoveneto.it

Stavolta però ho deciso di chiedere aiuto

Se entro pochi giorni non avrò novità positive sarò costretto a chiudere il sito.

DESIDERO RINGRAZIARE TUTTI COLORO CHE SI SONO DIMOSTRATI AMICI

Postato da Fabio il Friday, 07 September @ 10:13:36 CEST (876 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)



Le disfunzioni dell’ACEA
Notizie dal portale Gloria Monaco di Gloria Monaco

Una moderna Odissea: l’importanza dell’energia elettrica

Scena I: lunedì sera ore 22.30 – Via Crescenzio, arteria che collega Piazza Cavour a Piazza Risorgimento, centro storico come viene definito dal regolamento del decentramento approvato di recente dal Comune di Roma, nonostante si tratti del Municipio XVII e non del I.
Televisori accesi, condizionatori in funzione visto il caldo opprimente che si è abbattuto sulla Capitale in questo squarcio di estate anticipata. All’improvviso il buio. Si sa, può capitare specialmente in questa stagione visto l’aumento esponenziale di richiesta di energia elettrica. Non mi preoccupo più di tanto e lascio che il tempo scorra mentre ne approfitto per fare due chiacchiere con i miei.
Passato un quarto d’ora però di luce nemmeno l’ombra ed allora decido di chiamare l’Acea dalla quale dipendiamo per l’erogazione del servizio di energia elettrica. Mi premunisco del codice utente presente sull’ultima bolletta e compongo il numero verde. Dimenticavo giusto per rendere più chiara la situazione paradossale. Visto che ormai le linee Telecom di nuova generazione sono munite di una cassetta funzionante ad energia elettrica il telefono di casa è isolato, fortunatamente il cellulare non ha di questi problemi ancorché sia carico e non a fine batteria.
Quattro stagioni di Vivaldi, una serie di notizie utili, la richiesta del codice di avviamento postale della zona colpita dal guasto e finalmente un operatore. Faccio presente la mancanza di corrente da ormai una mezzora e mi viene risposto in tono maleducato che “i guasti in questi giorni sono numerosissimi, questa sera in particolare. Ribatto che non so se debbo gioire del fatto che un mal comune è un mezzo gaudio e sollecito l’intervento di una squadra. Mi viene risposto che sarà fatto il possibile ma che i tempi di attesa vanno dalla mezzora a tre ore. Chiudo la comunicazione ed attendo l’evolversi degli eventi. Passa un’ora e nulla accade. Decido quindi di richiamare. Solita trafila fino a che un nuovo operatore, decisamente più garbato del primo, mi comunica che la squadra è già partita e che quindi a minuti dovrebbe essere sul posto.
Mia madre è in finestra sconfortata e suggerisce di scendere in strada ricordandomi che l’isolato è già stato colpito nel recente passato da una serie di guasti imputati ad una centralina troppo vecchia che a detta degli stessi addetti Acea andrebbe cambiata, lavori ai quali però non è stata mai messa mano.
MegLight da sei torcioni (per intenderci la pila elettrica americana resa celebre da alcuni telefilm) scendo le scale. Al pian terreno una tata vigila su due bambini di 5 e 3 anni chiedendosi se la luce tornerà. Il portone è aperto ed il cancello elettrico è stato “forzato” da un condomino di ritorno a casa nell’emergenza luce.
Sul marciapiede i condomini del palazzo di fronte attendono come me l’arrivo del pronto intervento. Ci confrontiamo sulle telefonate effettuate al numero verde. Opinione comune che sia inammissibile l’atteggiamento di un call center che garantisce un pubblico servizio. In lontananza un camioncino Acea che si ferma sullo slargo antistante i due palazzi. I tecnici si mettono subito al lavoro, seguiti a ruota dalla nostra raffica di richieste. Prima un controllo alla centralina, poi direttamente agli interruttori generali dei due palazzi. Ma la natura del guasto rimane oscura. Ci spiegano che potrebbe trattarsi di un cavo sotterraneo colpito da una dispersione e che potrebbe essere necessario aprire. Non prima della mattinata successiva ovviamente. Si agita lo spettro di un gruppo autogeno che provvisoriamente possa aiutare a superare l’emergenza. Infine sembra che la situazione si risolva almeno nell’immediato isolando l’utenza, maggiore imputata della disfunzione, di una galleria d’arte sottostante il mio civico. La squadra compila la scheda tecnica richiedendo un intervento accurato che risolva la questione in via definitiva.
Postato da dolla il Wednesday, 28 June @ 14:02:31 CEST (1377 letture)
(Leggi Tutto... | 10995 bytes aggiuntivi | Voto: 0)



1, 2, 3... fuori il ROSPO !!!
Notizie dal portale Voce del verbo "parlare liberamente"
Fabio Garbo di Fabio Garbo
padova@pattoveneto.it

In più di un'occasione segnalo i siti che danno fiato alle trombe.
Tutti avranno notato che cerco sempre più di premiare chi ha il coraggio di dire (anche sbagliando) rispetto chi tace.
Un sito che meriterebe il premio "PULZER" per la libertà di stampa è proprio WWW.KATAPEKKIA.NET Katapecchia.net Consiglio VIVAMENTE, agli amanti del pensiero libero, di visitare questo sito e di spluciare, qua e la, le notizie che più possono interessare.
Farete la conoscenza di 2 grandi: Oracle e Psicomante, personaggi dei quali avremmo bisogno tutti.
Complimenti, complimenti davvero!!!!
Postato da Fabio il Friday, 16 June @ 09:47:06 CEST (1950 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 5)



10 giugno? Riunificazione su un terreno neutro con tutte le componenti
Notizie dal portale Fabio Garbo di Fabio Garbo
padova@pattoveneto.it

Questo sito stà raggiungento un importante obbiettivo:
Link dopo link stà scomparendo.
Mi spiego meglio, per i meno esperti. Come è normale che sia, ogni sito che si rispetti ha una serie di collegamenti ad altri siti che, in qualche modo, possono integrare o approffondire gli argomenti trattati.
Molti usano questa tecnica per essere più "popolari" ed ottenere un migliore piazzamento nei motori di ricerca.
Ho notato che da un po' di tempo i siti che ci "linkavano" (cioè che contenevano un collegamento verso il pattoveneto) stanno per togliere i loro link verso di noi.
FANTASTICO (direbbe un mio caro amico).
Il lato positivo è certamente uno: stiamo "rompendo". E le stiamo rompendo bene!!!
Nonostante i liberali non ci "caghino" di striscio
riporto un'importante iniziativa che mi è arrivata per posta elettronica.
Consiglio a tutti una buona riflessione.

Cari amici dei Club liberali,

dal gennaio 2004 la Newsletter del Salon Voltaire, inviata a quasi tremila personalità e club liberali, e ora anche l’omonimo sito internet, si sono assunti il compito di tenere desta la ragione e la critica liberale, senza professare nessuna appartenenza partitica, fedeli alla superiorità se non terzietà del modello liberale rispetto ad un bipolarismo ottuso che ha opposto una Destra poco liberale, clericale e statalista, nonostante le promesse, ad una Sinistra poco liberale, clericale e statalista, secondo le promesse.

L’unica prospettiva – lo abbiamo scritto fin dall’inizio – è quella di rilanciare il Liberalismo come cultura etico-politica, ma anche di prospettare la riunificazione della diaspora liberale e la creazione di un grande movimento liberale capace di incidere nella politica e nella cultura in modo autonomo. Per evitare il paradosso di un’Italia in cui il bisogno urgente di liberalismo – dalle libertà e ai diritti civili alle liberalizzazioni delle professioni e del mercato, dalla laicità dello Stato alla libertà della ricerca scientifica – che solo potrebbe farci riavvicinare all’Europa riformatrice del Nord e al Regno Unito, non trovi adeguata risposta nel mondo politico, ancora diviso tra ultraconservatori e neomarxisti, mentre gli stessi politici che si definiscono "liberali" appaiono assenteisti, scetticamente individualisti, incapaci di far seguire alla propria filosofia scelte conseguentemente liberali.

Abbiamo, perciò, da tempo individuato un percorso, graduale e razionale, che col vostro aiuto potrebbe portare agli Stati Generali del Liberalismo italiano e alla costituzione d’un nuovo grande movimento politico indipendente dei Liberali Italiani, costituito a partire da tutte le componenti e personalità autenticamente liberali d’ogni provenienza e storia personale.

Il Salon Voltaire, così inadeguato al compito, può fare solo da modesto suscitatore di energie, grazie al piccolo credito che ai vostri occhi ha acquistato in questi due anni, nei quali mai si è abbassato a fare propaganda elettorale, ma anzi ha criticato tutti, da Destra a Sinistra, quando contraddicevano i principi e i metodi liberali. Come un piccolo cristallo che si aggiunge a una soluzione satura per favorire la cristallizzazione, ora si fa promotore del primo piccolo passo, il gradino iniziale d’una lunga scalinata che potrebbe portare alla rifondazione dei Liberali Italiani.

Sabato 10 giugno, al centro di Roma, una delegazione di club e movimenti liberali delle più diverse provenienze firmerà una solenne "Dichiarazione di intenti", quella di voler perseguire d’ora in poi il progetto degli Stati Generali del Liberalismo e in prospettiva la fondazione d’un nuovo grande soggetto liberale, moderno, combattivo, aggiornato alle nuove realtà, ma in linea con le tradizioni più antiche e indiscusse del sincretismo liberale, e oggi con l’Internazionale liberale.

Non sarà una nuova, ennesima, sigla: ce ne sono fin troppe, che appunto dobbiamo unificare. Non c’è alcun calcolo di visibilità o di carriera personale. Anche perché il percorso sarà in salita e i frutti matureranno nel tempo debito. Non siamo, infine, la longa manus di nessuno.

Perciò ci rivolgiamo alle personalità e ai leader dei club e dei movimenti culturali e politici liberali (nel liberalismo, si sa, il legame cultura-politica è inscindibile e indispensabile) perché inviino un rappresentante che possa discutere e firmare la dichiarazione generale di intenti, fondata sui concetti di base semplici ed elementari che seguono. I liberali – diremo – stiano con i liberali: oggi è l’Italia che lo vuole. E liberali siamo, appunto, né conservatori, né socialisti, né clericali. Il fine, quello di avere finalmente tutti i Liberali Italiani riuniti in un movimento culturale e politico fondato sulla teoria e pratica di tutte le libertà, sulla laicità dello Stato, il libero mercato, la centralità del cittadino, lo Stato solo per quanto serve, i diritti civili, le liberalizzazioni (dalle professioni alle lauree), la lotta alle corporazioni, la libera ricerca scientifica.

Verrà eletto un comitato ristretto preliminare – si spera di organizzatori, comunicatori e bravi persuasori – che avrà il compito di aggregare sulla Dichiarazione del 10 giugno il maggior numero di club liberali e personalità. Poi sarà il compito del Comitato vero e proprio, nel quale dovranno confluire i migliori organizzatori e politici liberali, col compito di indire la grande assemblea costituente degli Stati Generali del Liberalismo. Un evento che dovrebbe smuovere lo scetticismo dei giornali, abituati a troppe finte runificazioni liberali durate lo spazio d’un mattino, e per puri motivi elettorali. Il resto lo deciderà l’assemblea.

Vi prego, perciò, di inviare conferma agli indirizzi sotto riportati – con cortese urgenza (l’incontro e la Dichiarazione di intenti dei Liberali Italiani sono previsti il 10 giugno all'indirizzo che verrà comunicato agli aderenti) – della presenza di un vostro rappresentante che possa firmare per il club, il movimento o la sezione il documento di intenti – che, si ripete, ricalcherà il 7.o capoverso – e concorrere al tempo stesso alla elezione attiva e passiva del comitato provvisorio, che sarà scelto tra i presenti. Parteciperete così all’importante momento della fondazione, di cui sarà data notizia alle agenzie e alla stampa.
Altrimenti, sarà sempre possibile firmare la Dichiarazione in seguito. Un lungo ma entusiasmante cammino inizia.

Buon lavoro

Salon Voltaire (Nico Valerio)
Postato da Fabio il Monday, 29 May @ 11:47:41 CEST (1281 letture)
(Leggi Tutto... | 7083 bytes aggiuntivi | Voto: 0)



Cosa trovi nel portale

Per non perdere il treno
[ Per non perdere il treno ]

·ASPETTANDO IL PROSSIMO HOTEL RAPHAEL

Articoli in archivio
Friday, 04 November
· www.fuoridiscimmia.it
Wednesday, 12 October
· Legge elettorale: realtà a confronto.
Tuesday, 11 October
· 'RACCOLTA FIRME DAVANTI MONTECITORIO'
Tuesday, 06 September
· No alla devolution, Sì alla costituente
Monday, 29 August
· Sempre più ''rumorosi''
Monday, 02 May
· LETTERA APERTA A BERLUSCONI
Thursday, 28 April
· Maggioritario puro
Monday, 11 October
· FEDERALISMO E PARTITI

Total Hits

2390772
pagine viste dal September 2003

Per conoscermi meglio
Profilo Facebook di Fabio Garbo


 



Web site engine\'s code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.